what-do-you-carry-for-me

Dove sei, chiese Settembre
Sono sul filo del vento, rispose l’Autunno
sul margine secco di una folla ingiallita
che ancora si ostina appesa,
nel sole che scalda e non scotta
nell’attesa che svanisce sbeccata

Quando arrivi, chiese Settembre
Arrivo con la luce arancione che scioglie in pietà, rispose l’Autunno
con l’indugiare verde di ritrosia del riccio di castagna,
con il fiato che si alza in primo, tiepido fumo
e disegna e ammutolisce e sfuma,
con lo sguardo ardito che, non visto, manifesta

Che cosa mi porti, chiese Settembre
Ti porto il senso del vuoto che ammalia, rispose l’Autunno
rovescio che induce alla sosta,
brivido di quiete,
buio che tace e avvolge,
un congedo e una promessa

Advertisements
This entry was published on September 21, 2016 at 8:04 pm and is filed under Uncategorized. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: