nel nero attorno al nero

at-the-edge-of-the-night

 

sul bordo della notte
si fermano i miei piedi
di vertigine
nel nero, attorno al nero
canta una cicala, canta sfinita
un lampione sfuma sincero
il respiro s’arresta
per precisare la messa a fuoco
dell’immagine che sfugge

ombra senza luce
vento senza aria
pioggia senza goccia

sul bordo della notte
tremano i miei piedi
di vertigine
nel nero, attorno al nero
obliquo l’andare di un cane
una persiana si chiude assonnata
il fiato s’accorcia
di tremore da domare
della paura che stringe

mare senza sale
canto senza voce
ventre senza amore

 

 

Advertisements
This entry was published on September 16, 2016 at 12:24 am. It’s filed under Uncategorized and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: