357

IMG_0586
ventitre di dicembre
con la nebbia per le strade
di una notte che arriva fredda
un po’ di birra due facce amiche
di una notte che accompagna un altro giorno
nebbia per le strade che non si vede e non si riesce a mettere a fuoco
se sia dentro
se sia fuori
se sia il vetro della macchina appannato o gli occhiali o
provare con la mano fredda a pulire i cristalli dell’auto
per vedere se svanisce
come chi non ci vuole credere
come chi ci crede troppo
e accorgersi che è proprio nebbia
notti nebbia o no che non si vorrebbe finissero
notti che si spera la nebbia accompagni altrove
notti in cui si vorrebbe la propria casa spostata un po’ oltre
un incontro che affiori dalla foschia
una strada persa che porti di là
si vorrebbe qualcosa di più
una sorpresa
un regalo
una scommessa vinta per caso
oppure arrivare in quel posto
dove sono immagazzinati i ricordi scordati
i bandoli della matassa persi
le lettere scritte e non spedite
e insieme a loro i numeri di telefono non assegnati
gli sms non ricevuti
pezzi di libri senza titolo
i sogni dimenticati al mattino
i garofani rossi nel vento
c’è un reparto di mozziconi di matita solo quasi finiti
uno di regali pensati e non fatti
c’è la sezione dove si trovano gli oggetti smarriti
e quella dove si ritrovano il filo del discorso e  l’ago nel pagliaio
c’è lo scaffale dei nemmeno
quello dei però
quello dei se
quello degli ormai
il mio preferito, quello dei nonostante,
ci sono i pensieri pensati soprapensiero
le opinioni cambiate e smesse
le bolle di sapone volate via senza scoppiare
c’è il mazzo degli imprevisti e quello delle possibilità
un dado senza numeri
una scacchiera popolata di sole pedine semplici, tutte bianche, disorientate e anche un po’ stanche
lucchetti senza chiave
sellini rubati dalle biciclette in stazione
ci sono i calzini spaiati
una donna di quadri
gli occhi singoli degli orsacchiotti maltrattati
c’è il cassetto dei sogni più arditi
e la scatola dei desideri non avverati per via di quell’unica candelina che cazzo non si è spenta, per quella stella cadente che non è stata avvistata perchè porca puttana è caduta proprio mentre si era distratti
e in fondo in fondo in fondo
in fondo
c’è la porta senza serratura da cui si entra solo
il ventitre di dicembre
con la nebbia per le strade
di una notte che arriva fredda un po’ di birra due facce amiche
di una notte che accompagna un altro giorno
nebbia per le strade che non si vede e non si riesce a mettere a fuoco
se sia dentro
se sia fuori

Advertisements
This entry was published on December 23, 2015 at 1:50 am and is filed under Uncategorized. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: